Currently browsing category

Esteri

Spagna, la sinistra alla prova d’appello

Meglio tardi che mai, anche se adesso le condizioni sono peggiori di prima: si può riassumere così quanto sta avvenendo in Spagna per la nascita della nuova coalizione di governo tra Partito socialista e Podemos. Le due formazioni della sinistra iberica dopo le elezioni del 28 aprile scorso, avevano rispettivamente …

Polonia, tra nazionalismo e fondi europei

Le recenti elezioni polacche hanno confermato al governo il Partito del Diritto e della Giustizia (Prawo i Sprawiedliwosc – Pis) del presidente della Repubblica Jaroslaw Kaczynski che ha ottenuto il 43 per cento dei suffragi, conseguendo 235 seggi, quattro in più della maggioranza assoluta. Il Pis potrà quindi guidare il …

Al Baghdadi eliminato: un grande successo nella lotta al terrorismo

L’eliminazione, ad opera di truppe scelte americane, del capo dell’Isis Abu Bakr Al Baghdadi, rappresenta un grande successo nella lotta contro il terrorismo islamico. Missione compiuta, possiamo dire, visto che il leader fondamentalista era il principale ricercato, il primo nella lista tra chi ha seminato il terrore in Medio Oriente, …

Stati Uniti, una politica estera da ripensare

Da tempo la politica estera americana sembra aver perso la bussola. In passato le cose andavano diversamente e le successive amministrazioni, democratiche o repubblicane che fossero, avevano ben chiaro quali fossero i propri alleati, da sostenere fino in fondo senza alcun tentennamento. Una logica che, pur con tutti gli inevitabili …

Israele: il risveglio degli arabi-israeliani

La tornata dello scorso 17 settembre – ripetizione di quella di aprile che non aveva prodotto alcuna maggioranza – si è risolta in un nuovo sostanziale pareggio tra destra e centro-sinistra. Uno stallo pressoché identico a quello registrato in primavera. Il Likud, partito di destra, del premier in carica, Benjamin …

Austria: i popolari battono il populismo

L’Austria volta le spalle al populismo nazionalista, restituisce vigore all’europeismo democratico-cristiano e sembra puntare sulla carta ecologista. Questo l’esito della tornata elettorale di domenica scorsa nella quale l’estrema destra della Fpo con un magro 16 per cento, perde ben dieci punti rispetto alle elezioni del 2017 dove tentò, inutilmente, di …