Currently browsing author

Aldo Novellini

Cattolici in politica? Serve coraggio.

Nel centenario della nascita del Partito popolare di don Luigi Sturzo, con il famoso appello ai Liberi e forti, che segnò l’ingresso dei cattolici nella vita pubblica italiana, è lecito chiedersi quale ruolo essi possano giocare nell’arena politica di oggi. Il tempo dell’unità, all’epoca della Dc, per far fronte al …

Lo sbarco in Normandia e l’Unione europea

Non è retorica celebrare l’anniversario – quest’anno il 75 esimo – dello sbarco in Normandia. E’ storia. Quella dell’assalto anglo-americano alla fortezza Europa dominata dalla Germania nazista. Il più grande pericolo per la pace e per la libertà mai comparso sul vecchio continente e che senza il gigantesco sbarco alleato, …

Europa verde, la vera sfida

Qualche manciata di ore ci separa dalle prossime elezioni europee: un appuntamento che, ogni cinque anni, ci accompagna ormai da un quarantennio. Tornate elettorali, in genere, prive di particolare rilievo, salvo, forse, quella del 10 giugno 1979, la prima volta che si votò per l’Europarlamento a suffragio universale. Nella contesa …

Un’altra Europa

Un’altra Europa è possibile. Di fronte al guanto di sfida lanciato dai nazionalismi è infatti necessario, se si vuole salvaguardare la prospettiva dell’integrazione europea, cambiare rotta. Oggi invece l’Europa continua a muoversi lungo una linea di cieca austerità, prigioniera di vincoli numerici (3 per cento) che finiscono per far perdere …

Giovanni Bianconi: 16 marzo 1978

Tullio Ancora, collaboratore di Aldo Moro, e Luciano Barca, deputato Pci, da tempo si vedono quotidianamente e sono quasi diventati amici. Tengono i contatti tra il segretario comunista Enrico Berlinguer e lo statista democristiano, in vista della realizzazione della cosiddetta terza fase, la strategia morotea volta a portare il Pci …

A 70 anni dal 4 maggio 1949: Grande Torino, un perenne ricordo

Cosa accadde all’aereo che stava portando il Torino a casa dopo la trasferta di Lisbona? Un guasto all’altimetro che fece credere al pilota di viaggiare ad una quota più elevata? O furono invece le nubi basse ad impedire la visibilità salvo poi, forse, diradarsi d’improvviso facendo intravedere al pilota la …