Currently browsing author

Aldo Novellini

Stati Uniti, una politica estera da ripensare

Da tempo la politica estera americana sembra aver perso la bussola. In passato le cose andavano diversamente e le successive amministrazioni, democratiche o repubblicane che fossero, avevano ben chiaro quali fossero i propri alleati, da sostenere fino in fondo senza alcun tentennamento. Una logica che, pur con tutti gli inevitabili …

Israele: il risveglio degli arabi-israeliani

La tornata dello scorso 17 settembre – ripetizione di quella di aprile che non aveva prodotto alcuna maggioranza – si è risolta in un nuovo sostanziale pareggio tra destra e centro-sinistra. Uno stallo pressoché identico a quello registrato in primavera. Il Likud, partito di destra, del premier in carica, Benjamin …

Renzi e il Pd

Matteo Renzi più di molti altri esponenti politici pare non conoscere le mezze misure. Nella sua vita politica lo abbiamo dunque visto fare le mosse più azzeccate e compiere gli errori più marchiani. Tra le prime sicuramente l’aver proposto Sergio Mattarella per il Quirinale oppure, ed è cosa recentissima, l’esser …

Austria: i popolari battono il populismo

L’Austria volta le spalle al populismo nazionalista, restituisce vigore all’europeismo democratico-cristiano e sembra puntare sulla carta ecologista. Questo l’esito della tornata elettorale di domenica scorsa nella quale l’estrema destra della Fpo con un magro 16 per cento, perde ben dieci punti rispetto alle elezioni del 2017 dove tentò, inutilmente, di …

Jacques Chirac, un grande presidente

Jacques Chirac è stato uno dei grandi protagonisti di quaranta anni di vita politica francese. Una lunga carriera iniziata negli anni Sessanta, come deputato gollista della Correze, uno dei tanti dipartimenti della Francia più profonda, e conclusa all’Eliseo, quando venne eletto presidente della Repubblica nel 1995 e poi rieletto nel …

Ungheria, Orban gioca su tutti i tavoli

L’Ungheria, guidata dal premier nazionalista Viktor Orban, ritiene del tutto normale godere di cospicui finanziamenti dall’Unione europea, senza nulla restituire in termini di collaborazione sovranazionale. Una ricetta che prevede: chiusura netta sui migranti, gelosa custodia della propria sovranità e addirittura una barriera di filo spinato al confine con la Serbia, …

Repubblica Ceca: più Usa che Unione europea

Un viaggio nei Paesi dell’est europeo è una bella occasione per vedere da vicino le aree più critiche del vecchio continente. E sotto questo profilo la Repubblica Ceca, il cui premier è l’imprenditore Andrej Babis, alla guida di una coalizione tra euroscettici e socialdemocratici con l’appoggio esterno dei comunisti, si …